Voci, Konstantinos Kavafis

Voci ideali ed amate
dei morti, o di quelli che sono
per noi perduti, come i morti.

A volte ci parlano in sogno;
a volte le ascoltiamo nella mente.

E con loro per un istante ritornano
i suoni della prima poesia nella vita –
musica, che si perde lontano nella notte.

(Traduzione di G. Bernuzzi)

Voices

Voices, loved and idealized,
of those who have died, or of those
lost for us like the dead.

Sometimes they speak to us in dreams;
sometimes deep in thought the mind hears them.

And with their sound for a moment return
sounds from our life’s first poetry—
like music at night, distant, fading away.

(Translated by Edmund Keeley/Philip Sherrard)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...