Tre volte – ci separammo – il respiro – e io, Emily Dickinson

Tre volte – ci separammo – il Respiro – ed io –
Tre volte – non volle andarsene –
Ma si sforzava per smuovere il soffio fluttuante
Che le Acque – si sforzavano di arrestare.

Tre volte – Le Ondate mi scagliarono in alto –
Poi mi afferrarono – come una Palla –
Poi fecero Azzurre smorfie sulla mia faccia –
E spinsero via una vela

Che procedeva a Leghe di distanza – mi piaceva vederla –
Perché pensavo – Mentre muoio –
Com’è piacevole guardare una Cosa
In cui – ci sono volti Umani –

Le Onde si fecero sonnolente – il Respiro – no –
I Venti – come Bambini – si quietarono –
Poi l’Aurora baciò la mia Crisalide –
Ed io mi drizzai – e vissi –

(Traduzione di Giuseppe Ierolli)

Three times – we parted – Breath – and I –

Three times – we parted – Breath – and I –
Three times – He would not go –
But strove to stir the lifeless fan
The Waters – strove to stay.

Three Times – the Billows tossed me up –
Then caught me – like a Ball –
Then made Blue faces in my face –
And pushed away a sail

That crawled Leagues off – I liked to see –
For thinking – while I die –
How pleasant to behold a Thing
Where Human faces – be –

The Waves grew sleepy – Breath – did not –
The Winds – like Children – lulled –
Then Sunrise kissed my Chrysalis –
And I stood up – and lived –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...