Cosa farai, Dio, se muoio?, da “Libro d’Ore” (2008), Rainer Maria Rilke

Cosa farai, Dio, se muoio?
Sono la tua brocca (e se m’infrango?).
Sono la tua acqua (e se marcisco?).
Sono la tua veste e il tuo lavoro:
perderesti insieme a me il tuo stesso senso.

Dopo di me, tu non hai casa
in cui t’accolgano parole d’intimo calore.
Dai tuoi piedi stanchi, i sandali
scivolerebbero via – loro: sono io.

Il tuo mantello grande si slaccia via da te.
Il tuo sguardo, che io accolgo sulle guance calde
come su un cuscino, verrà,
mi cercherà, per lungo tempo –
e giacerà tra pietre estranee
nel sole che discende oltre la terra.

Cosa farai, Dio? Sono in angoscia.

(Traduzione di Lorenzo Gobbi)

Rainer Maria Rilke non è un poeta senza ambiguità. La sua opera poetica è permeata di idee e temi religiosi. Ma questi sono sempre aperti o messi in discussione. Rilke opera linguisticamente al limite di ciò che si può dire, ricerca incessantemente le risposte e allo stesso tempo diffida del ritrovamento delle risposte stesse.

Was wirst du tun, Gott, wenn ich sterbe?

Was wirst du tun, Gott, wenn ich sterbe?
Ich bin dein Krug (wenn ich zerscherbe?)
Ich bin dein Trank (wenn ich verderbe?)
Bin dein Gewand und dein Gewerbe,
mit mir verlierst du deinen Sinn.

Nach mir hast du kein Haus, darin
dich Worte, nah und warm, begrüßen.
Es fällt von deinen müden Füßen
die Samtsandale, die ich bin.

Dein großer Mantel lässt dich los.
Dein Blick, den ich mit meiner Wange
warm, wie mit einem Pfühl, empfange,
wird kommen, wird mich suchen, lange –
und legt beim Sonnenuntergange
sich fremden Steinen in den Schoß.

Was wirst du tun, Gott? Ich bin bange.

What Will You Do?

What will you do, God, when I die?
I am your jug (and I will shatter)
I am your drink (and I’ll go bad)
I am your clothing and your calling,
you’ll lose all reason, losing me.

With me gone, you’ll have no house
where warm words will welcome you.
Without me, you’ll have no sandals:
your exhausted feet will wander bare.

Your mighty cloak will fall away.
Your gaze, which my cheek took in
soft and warm, like a pillow,
will arrive here, look, search long—
and finally at the end of sunset
lie down in the lap of alien stones.

What will you do, God? I’m afraid.

(Translated by Edward Snow)

_______________________________________

David Garrett – Scherzo from Beethoven’s 9’th HD – live @ Hannover 18 04 2012

2 pensieri su “Cosa farai, Dio, se muoio?, da “Libro d’Ore” (2008), Rainer Maria Rilke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...