L’estate è finita, Emily Dickinson

Sono più miti le mattine
e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo.
La rosa non è più nella città.

L’acero indossa una sciarpa più gaia.
La campagna una gonna scarlatta,
Ed anch’io, per non essere antiquata,
mi metterò un gioiello.

The morns are meeker than they were

The morns are meeker than they were –
The nuts are getting brown –
The berry’s cheek is plumper –
The rose is out of town.

The maple wears a gayer scarf –
The field a scarlet gown –
Lest I sh’d be old-fashioned
I’ll put a trinket on.

Stringevo un gioiello fra le dita, Emily Dickinson

Stringevo un Gioiello fra le dita –
E mi addormentai –
Il giorno era caldo, e i venti erano monotoni –
Dissi: “Rimarrà” –

Mi svegliai – e sgridai le incolpevoli dita,
La Gemma se n’era andata –
E ora, la memoria di un’Ametista
È tutto ciò che ho –

(Trad. Giuseppe Ierolli)

 

I held a Jewel in my fingers

I held a Jewel in my fingers—
And went to sleep—
The day was warm, and winds were prosy—
I said ”Twill keep’—

I woke—and chid my honest fingers,
The Gem was gone—
And now, an Amethyst remembrance
Is all I own—