l’ultimo inverno, da “Mentre Buddha sorride” (2015), Charles Bukowski

vedo questa tempesta finale come nulla di serio
agli occhi
del mondo,
ci sono tante altre cose più importanti di cui
preoccuparsi e da
considerare.

vedo questa tempesta finale come nulla di speciale
agli occhi
del mondo
e non è speciale.
altre tempeste sono state più grandi,
più drammatiche.
vedo questa tempesta finale avvicinarsi e
la mia mente aspetta.

vedo questa tempesta finale come nulla di serio
agli occhi
del mondo.
il mondo e io raramente siamo d’accordo su
molte questioni.
ma adesso possiamo essere d’accordo.
che arrivi, che arrivi.
ho già aspettato troppo a lungo.

(Traduzione di Simona Viciani)

the last winter

I see this final storm as nothing serious
in the eyes of
the world,
there are more important things
to worry about and to
consider.

I see this final storm as nothing special
in the eyes of
the world
and it isn’t special.
other storms have been greater,
more dramatic.
I see this final storm approaching and
my mind waits.

I see this final storm as nothing serious
in the eyes of
the world.
the world and I seldom agree on most
matters.
but now we can agree.
bring it on, bring it on.
I have waited too long now.

_____________________________________

David Garrett – Winter By Vivaldi – Kempten 16.05.2014

La bontà non comune di salvare dalla sofferenza, Charles Bukowski

un tempo era molto magro e nervoso
come un musicista morto di fame
l’ho nutrito per bene
e lui è ingrassato
quanto un petroliere del Texas e non è più così
nervoso
ma sempre
strambo.

addormentato a letto mi sveglio
e il suo naso tocca il mio
naso e quel paio
di occhi gialli bellissimi
SI RIVERSANO
in ciò che è rimasto della mia anima
e poi gli dico
vai giù, bastardo!
porta il tuo naso lontano dal mio
naso!
facendo le fusa come un ragno pieno di
mosche si allontana un
po’.

ero nella vasca ieri
e lui è entrato zampettando
cauto sollevando le zampe
coda guizzante
e io sono lì dentro
che fumo un sigaro e leggo il
NEW YORKER
e lui si arrampica sull’orlo della
vasca
in equilibrio sulla ceramica scivolosa
curva
e gli ho detto,
signorino, tu sei un gatto e ai gatti
non piace l’acqua.
ma ha fatto il giro fino ai rubinetti
e ci si è aggrappato con le sue zampe nere
e stava appeso
a testa in giù
ad annusare l’acqua e l’acqua era
BOLLENTE e ha cominciato a berla
la lingua rossa sottile
timida e miracolosa
che si immergeva nell’acqua bollente
e continuava ad annusare
chiedendosi cosa ci facevo lì dentro
che cosa ci trovavo di così bello
e poi quello sciocco grasso bianco gatto
ci è caduto dentro! –
siamo tutti schizzati fuori di lì
bagnati e velocissimi;
io, gatto, sigaro e NEW YORKER
sputando, urlando, spruzzando, fradici
e mia moglie è corsa dentro:
DIO MIO! COS’E’ SUCCESSO? COS’E’
SUCCESSO?
ho parlato dall’alto del mio sigaro mezzo sciolto:
un uomo non può avere un po’ di privacy
neanche nella sua vasca da bagno, ecco cos’è
successo!
si è limitata a ridere di noi
e il gatto non era neanche arrabbiato
era sempre bagnato e grasso
eccetto la coda
che adesso sembrava sottile quasi come quella di un
ratto e molto triste e
ha cominciato a
leccarsi.
io ho usato una salvietta,
poi sono andato in camera
mi sono buttato sul letto
e ho cercato di ritrovare il segno nella
rivista.

ma il buon umore se ne era andato
ho chiuso la rivista
e ho fissato il soffitto
lassù dove Dio dovrebbe
essere
poi l’ho sentito:
MIAOOO!

il prossimo gatto randagio che arriva alla mia porta
rimarrà
randagio.

The devious good of rescuing the suffering

once very thin and nervous
like a starving musicianContinua a leggere…