sorrideva, raggiante, cantava, da “Sull’amore” (2016), Charles Bukowski

mia figlia assomigliava a una giovane Katharine Hepburn
alla recita di Natale delle elementari.
era lì in piedi insieme a tutti gli altri
sorrideva, raggiante, cantava
nel vestitino lungo che le avevo comperato.

sembra Katharine Hepburn, ho detto alla madre
che sedeva alla mia sinistra.
sembra Katharine Hepburn, ho detto alla mia ragazza
che sedeva alla mia destra.
la nonna di mia figlia era seduta un posto più in là;
non le ho detto niente.

non mi è mai piaciuto come recita Katharine Hepburn,
ma mi piaceva il suo aspetto,
classe, sai cosa intendo,
una con la quale potevi parlare a letto
quell’ora e mezzo prima di
addormentarti.

immagino che mia figlia diventerà una
donna bellissima.
un giorno quando sarò abbastanza vecchio
probabilmente mi porterà la padella con un sorriso
davvero gentile.
e forse si sposerà con un camionista dal passo
molto pesante
che gioca a bowling tutti i giovedì sera
con gli amici.
be’, tutto questo non ha importanza.
quello che importa è il presente.
sua nonna è un falco non le sfugge niente.
sua madre è una liberale psicotica e amante della vita.
suo padre è un ubriacone.

mia figlia assomigliava a una giovane Katharine Hepburn.
dopo la recita di Natale
siamo andati da McDonald’s a mangiare, e abbiamo dato da mangiare ai passerotti.
a Natale mancava una settimana.
questo ci interessava molto meno che agli altri nove decimi della città.
e questa è classe, tutti e due abbiamo classe.
per ignorare la vita al momento giusto ci vuole una speciale saggezza:
quindi Buon Anno a
tutti quanti voi.

(Traduzione di Simona Viciani)

smiling, shining, singing

my daughter looked like a young Katharine Hepburn,
at the grammar school Christmas presentation.
she stood there with them
smiling, shining, singing
in the long dress I had bought for her.

She looks like Katharine Hepburn, I told her mother
who sat on my left.
she looks like Katharine Hepburn, I told my girlfriend
who sat on my right.
my daughter’s grandmother was another seat away,
I didn’t tell her anything.

I never did like Katharine Hepburn’s acting,
but I liked the way she looked,
class, you know,
somebody you could talk to in bed
with an hour and a half before going to
sleep.

I can see that my daughter is going to be a most
beautiful woman.
someday when I get old enough
she’ll probably bring me the bedpan with a most
kindly smile.
and she’ll probably marry a truckdriver with a very
heavy walk
who bowls every Thursday night
with the boys.
well, all that doesn’t matter.
what matters is now.
her grandmother is a hawk of a woman.
her mother is a psychotic liberal and lover of life.
her father is a drunk.

my daughter looked like a very young Katharine Hepburn.
after the Christmas presentation
we went to McDonald’s and ate, and fed the sparrows.
Christmas was a week away.
we were less worried about that than nine-tenths of the town.
that’s class, we both have class.
to ignore life at the proper time takes a special wisdom:
like a Happy New Year to
you all.

_____________________
Manoscritto, 22 dicembre 1972; pubblicato in What Matters Most Is How Well You Walk Through the Fire, 1999.

Dialoghi, da “Tu sola nel mio deserto” (2017), Alda Merini

Oggi non sappiamo a chi parlare o pensiamo di parlare con i sogni non facilmente decifrabili per esprimere il nostro passato, perché a me pare che il successo del nostro presente derivi dalla rimozione forzata di un passato che tutti sentiamo colpevole.

Ci siamo colpevolizzati per la guerra, i nostri figli, per piccolissimi reati che con il tempo sono diventati veri e propri atti delinquenziali. Non parliamo più di quello che di bene abbiamo fatto nella vita ma del male che abbiamo fatto e subìto.

Io, per esempio, mi ricordo solo del manicomio, Johnny solo dei bilanci sbagliati, Bianca dei suoi errori verso i figli, e tutti andiamo a letto stucchevolmente malati di mentirci.

Passato, presente e futuro mentitore.

29/1/1991

Ode al presente, da “Nuevas odas elementales” (1955), Pablo Neruda

Questo
presente
liscio
come una tavola,
fresco,
quest’ora,
questo giorno
terso
come una coppa nuova
– del passato
non c’è una sola
ragnatela –
tocchiamo
con le dita
il presente,
ne scolpiamo
il profilo,
ne guidiamo
il germe,
è vivente,
vivo,
non ha nulla
dell’ieri irrimediabile,
del passato perduto,
è nostra
creatura,
sta crescendo
in questo
momento, sta trasportando
sabbia, sta mangiando
nelle nostre mani,
prendilo,
non lasciarlo scivolare,
che non sfumi in sogni
o in parole,
afferralo,
trattienilo
e dagli ordini
finché non ti obbedisca,
fanne strada,
campana,
macchina,
bacio, libro,
carezza,
taglia la sua deliziosa
fragranza di legname
e con essa
fatti una sedia,
intrecciane
lo schienale,
provala,
o anche
una scala!

Sì,
una scala,
sali
nel presente.
gradino
dopo gradino,
fermi
i piedi sopra il legno
del presente,
verso l’alto,
verso l’alto,
non molto in alto,
soltanto
fin dove tu possa
riparare
le grondaie
del tetto,
non molto in alto,
non andartene in cielo,
raggiungi
le mele,
non le nuvole,
quelle
lasciale
andare per il cielo, andare
verso il passato.
Tu
sei
il tuo presente,
la tua mela:
prendila
dal tuo albero,
innalzala
nella tua
mano,
brilla
come una stella,
toccala,
addentala e incamminati
fischiettando per strada.

Oda al presente

ESTE
presente
liso
como una tabla,
fresco,
esta hora,
este día
limpio
como una copa nueva
—del pasado
no hay una
telaraña—,
tocamos
con los dedos
el presente,
cortamos
su medida,
dirigimos
su brote,
está viviente,
vivo,
nada tiene
de ayer irremediable,
de pasado perdido,
es nuestra
criatura,
está creciendo
en este
momento, está llevando
arena, está comiendo
en nuestras manos,
cógelo,
que no resbale,
que no se pierda en sueños
ni palabras,
agárralo,
sujétalo
y ordénalo
hasta que te obedezca,
hazlo camino,
campana,
máquina,
beso, libro,
caricia,
corta su deliciosa
fragancia de madera
y de ella
hazte una silla,
trenza
su respaldo,
pruébala,
o bien
escalera!

Si,
escalera,
sube
en el presente,
peldaño
tras peldaño,
firmes
los pies en la madera
del presente,
hacia arriba,
hacia arriba,
no muy alto,
tan sólo
hasta que puedas
reparar
las goteras
del techo,
no muy alto,
no te vayas al cielo,
alcanza
las manzanas,
no las nubes,
ésas
déjalas
ir por el cielo, irse
hacia el pasado.

eres
tu presente,
tu manzana:
tómala
de tu árbol,
levántala
en tu
mano,
brilla
como una estrella,
tócala,
híncale el diente y ándate
silbando en el camino.

Ho cessato di essere colui che speravo, Fernando Pessoa

Ho cessato di essere colui che speravo,
cioè, ho cessato di essere chi non sono mai stato…
Tra onda e onda l’onda non si scava,
e tutto, in essere congiunto, dura e scorre.

La freccia trema, poiché, nell’ampia faretra,
il presente crea e include il futuro.
Se i mari ergono la loro furia selvaggia,
è perché la futura pace la loro orma cancella.

Tutto dipende da quel che non esiste.
Perciò il mio essere muto si converte
nella stessa somiglianza, austero e triste.

Nulla mi spiega. Nulla mi appartiene.
E su tutto la luna estranea versa
la luce che tutto dissipa e nulla vince.

Da “Poesie Scelte” a cura di Luigi Panarese, Passigli Editori 2006

Deixei de ser aquele que esperava

Deixei de ser aquele que esperava,
Isto é, deixei de ser quem nunca fui…
Entre onda e onda a onda não se cava,
E tudo, em ser conjunto, dura e flui.

A seta treme, pois que, na ampla aljava,
O presente ao futuro cria e inclui.
Se os mares erguem sua fúria brava
É que a futura paz seu rastro obstrui.

Tudo depende do que não existe.
Por isso meu ser mudo se converte
Na própria semelhança, austero e triste.

Nada me explica. Nada me pertence.
E sobre tudo a lua alheia verte
A luz que tudo dissipa e nada vence.

Mani congiunte, Carlos Drummond de Andrade

Non sarò il poeta di un mondo caduco.
Non canterò neppure il mondo futuro.
Sono legato alla vita e guardo i miei compagni.
Sono taciturni ma nutrono grandi speranze.
In mezzo a loro, scruto l’enorme realtà.
Il presente è immenso, non allontaniamoci.
Non allontaniamoci troppo, teniamoci per mano.

Non sarò il cantore di una donna, di una storia,
non dirò i sospiri all’imbrunire, il paesaggio visto dalla finestra,
non distribuirò narcotici o lettere di suicida,
non fuggirò alle isole né sarò rapito dai serafini.
Il tempo è la mia materia, il tempo presente, gli uomini presenti,
la vita presente.

(Trad. di Vera Lúcia de Oliveira)

Mãos dadas

Não serei o poeta de um mundo caduco.
Também não cantarei o mundo futuro.
Estou preso à vida e olho meus companheiros.
Estão taciturnos mas nutrem grandes esperanças.
Entre eles, considero a enorme realidade.
O presente é tão grande, não nos afastemos.
Não nos afastemos muito, vamos de mãos dadas.

Não serei o cantor de uma mulher, de uma história,
não direi os suspiros ao anoitecer, a paisagem vista da janela,
não distribuirei entorpecentes ou cartas de suicida,
não fugirei para as ilhas nem serei raptado por serafins.
O tempo é a minha matéria, o tempo presente, os homens presentes,
a vida presente.

Il mio passato, Alda Merini

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che è passato
è come se non ci fosse mai stato.
Il passato e’ un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato è solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho già visto
non conta più niente.
Il passato ed il futuro
non sono realtà ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacché non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.