La vera opera, da “Standing by Words” (1983), Wendell Berry

Può darsi che proprio quando non sappiamo più cosa fare
siamo arrivati alla nostra vera opera,
e che quando non sappiamo più dove andare
siamo arrivati al nostro vero viaggio.
La mente non perplessa non si adopera.
Il torrente ostacolato è quello che canta.

(Traduzione di Paolo Severini)

Our Real Work

It may be that when we no longer know what to do
we have come to our real work,
and that when we no longer know which way to go
we have come to our real journey.
The mind that is not baffled is not employed.
The impeded stream is the one that sings.

_____________________________

Die Moldau – Remy van Kesteren (Night of the Proms 2012 – Antwerp, Belgium)

2 pensieri su “La vera opera, da “Standing by Words” (1983), Wendell Berry

    • Questa poesia offre molti interessanti spunti di discussione.
      Comunque è saggio e confortante pensare che gli ostacoli “sono il nostro percorso” e creano canzoni, bellezza e gioia.
      Ti auguro tanti eccezionali “ostacoli”, musica e… vita! 🙂
      Grazie mille per il commento 🙂

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...